L’argine del Senio torna libero

Castel Bolognese - Parco fluviale: Artista al fiume.
Castel Bolognese – Parco fluviale: Artista al fiume.

Una buona notizia. Il Tribunale di Ravenna, coinvolto dal comune di Castel Bolognese, ha riconosciuto il diritto di passaggio dei cittadini sull’argine del fiume. Ricorderete che un privato cittadino aveva intercluso il passaggio, ritenendo di non potersi assumere la responsabilità di eventuali danni capitati a terzi, nel caso di passaggio sull’argine costruito, a suo giudizio, sulla sua proprietà.

Quel gesto fece molto scalpore nella cittadinanza. Ci furono proteste sfociate in interventi, segnalazioni, prese di posizioni, una petizione. Poi il ricorso del comune all’Autorità giudiziaria. La stampa ne parlò; ne parlai anche in questo sito, con diversi interventi: Si vorrebbe vietare il passaggio sull’argine del fiume Senio Castel Bolognese; Precluso il passaggio sull’argine del Senio; L’argine sbarrato suscita interesse; L’argine sbarrato, chi garantisce la sicurezza?

Ora speriamo che, con questa sentenza, la vicenda del libero passaggio dei cittadini sull’argine del Senio, possa dirsi chiusa. Lo so, non è detto. Bisognerà vedere il dispositivo della sentenza e capire la volontà della parte soccombente. La logica dice che questo atto potrà favorire la stesura di una legge regionale – alla quale si sta già lavorando – che affronti il tema delle competenze sui fiumi, che disciplini gli accessi e l’uso degli argini, che apra all’idea delle convenzioni per fare tornare i fiumi alle comunità.

Credo anche che la sentenza possa accelerare l’esame della proposta di Associazioni e cittadini di Castel Bolognese per un’Area di riequilibrio ecologico che vada dalla diga steccaia di Tebano al ponte del Castello e che comprenda anche il Canale dei Mulini.

In questa vicenda, il Comune, ha avuto un ruolo importante. Sono convinto che gli amministratori proseguiranno l’azione per consentire ai cittadini di fruire ancora meglio, nel loro tempo libero, del contatto con la natura che gli garantisce il fiume.

Di seguito riporto il testo integrale del Comunicato stampa dell’Amministrazione comunale sulla vicenda.

Il 24 giugno il Tribunale di Ravenna ha accolto il ricorso proposto dal Comune di Castel Bolognese, tutelato dall’avvocato Nicola Festa, per il riconoscimento del diritto di passaggio dei cittadini sull’argine del fiume.

Una decisione importante, a tutela della comunità che da sempre, specialmente con la bella stagione, utilizza il sentiero dell’argine del torrente Senio per passeggiare in tutta tranquillità in mezzo alla natura.

Dopo la chiusura di un tratto di argine nei pressi del parco fluviale, effettuata nei mesi scorsi da un residente, numerosi cittadini avevano lamentato l’impedimento rappresentato da catene, paletti e segnali di divieto. In pratica era stata interrotta la circolazione pedonale e ciclabile sull’argine in direzione Ponte del Castello.

Il Comune di Castel Bolognese si era opposto a questa condotta inaspettata su un’area da sempre destinata al passeggio. Nei giorni scorsi, il giudice ha accolto integralmente le ragioni della parte pubblica riconoscendo alla popolazione il diritto di transito sull’area arginale.

L’Amministrazione comunale castellana ringrazia tutti i cittadini che hanno contribuito a segnalare la situazione, confermando di operare nel rispetto delle regole e di ascoltare le ragioni legittime della cittadinanza.