Gelatina di mele cotogne

Gelatina di mele cotogne 003Grazie alle sagre e ai mercatini, sono tornate di moda le mele cotogne. Si prestano per buone confetture. Quest’anno abbiamo provato a fare la gelatina. Il risultato è stato una marmellata molto fine, colorata di un bel rosso amaranto, ottimamente profumata.

Ingredienti: 2 Kg di mele cotogne; 2 limoni non trattati

Prendete 2 chili di mele cotogne (ma anche 3 o 4, dipende da quanta gelatina volete fare; in tal caso proporzionerete gli ingredienti), lavatele e tagliatele a tocchetti con la buccia, scartando solo il torsolo.

Mettete i tocchetti di mela in una pentola, possibilmente antiaderente; spremete sopra i due limoni e mettete acqua fino quasi a coprire la frutta (meno due centimetri, circa).

Ora, bollite lentamente, mescolando ogni tanto, fino a quando la frutta sarà ridotta in purea.

Prendete uno scolapasta e ponetelo sopra un’altro contenitore; mettete sopra lo scolapasta un tovagliolo di trama non troppo fitta e versate la purea; lasciate colare il sugo, anche forzando leggermente, annodando le punte del tovagliolo. Siccome la purea sarà abbastanza densa, questa operazione vi porterà via abbastanza tempo. Se lo fate la sera potete lasciarlo scolare tutta la notte.

A questo punto pesate il succo e aggiungete zucchero pari a due terzi del suo peso o più secondo i vostri gusti.

Rimettete il succo sul fuoco e fate bollire lentamente per circa un’ora. Adesso viene il più difficile, ossia addensarla al punto giusto (o come meglio piace). Noi, dopo un’ora di cottura a fuoco lento, ne mettiamo un poco su un piattino raffreddato in freezer e ne verifichiamo la consistenza che ha preso. Se siamo soddisfatti spegniamo il fornello, oppure continuiamo per il tempo che decidiamo.

Quando avrete ottenuto la consistenza desiderata, versate il liquido ancora bollente nei vasetti (che avrete bollito e asciugato accuratamente), passate un poco di alcool da cucina o grappa, nella tenuta del coperchio e chiudete.

Sterilizzate i vasi con la confettura facendoli bollire lentamente per almeno 20 minuti.

Volendo si può aggiungere allo zucchero un cucchiaio di peptina per facilitare l’addensamento del liquido e a fine cottura si può aggiungere una spolverata di cannella in polvere, che aggiungerà aroma alla gelatina.