Ambiente

Quell’ardito ponticello da recuperare

Quella che vedete è una foto a distanza del ponticello sul Senio, prima del Sintria per chi de Tebano va verso Villa Vezzano. Il ponticello fu realizzato negli anni cinquanta per andare al mulino Fantaguzzi e più in generale per collegare in quella zona i due versanti della vallata del Senio.

Quel ponticello, che all’apparenza di profano pare sicuro, da anni è stato sbarrato, senza che sia ben conosciuta la ragione da parte di coloro – ed eravamo in tanti – che se ne servivano per le loro camminate in zona.

Tutti sappiamo che un ponte ha un significato che va ben oltre alla ragione particolare per cui è stato costruito. Ogni ponte ha un valore anche simbolico che sopra tutto di questi tempi non andrebbe dimenticato.

Oggi quel ponte si trova nelle condizioni che la foto mostra. Da quel che si può vedere a distanza, nonostante le barriere, quel ponte è stato profanato di parte del suo assito in legno. Un assito evidentemente pregiato dal momento che è lì da almeno settant’anni e poco mostra l’usura del tempo.

Tutto questo per dire che quel ponticello dovrebbe continuare a vivere. Se va messo in sicurezza lo si faccia, ma per favore, non si tolga al territorio quella via di comunicazione che presto potrà servire per visitare l’area naturalistica che sorgerà in seguito al completamento delle casse di espansione. E tutto quello che sta intorno ad esse.

Quell’area, diventata un’oasi intermedia per tanti volatili del Parco del Delta del Po, opportunamente rinaturalizzata e con la conservazione e valorizzazione di quanto di interessante gli sta intorno, potrà essere utilmente integrata al Parco della Vena del Gesso e interessata al percorso della ciclo via del Senio. Con tutti i benefici che si possono ben immaginare sia dal punto di vista della sostenibilità ambientale che da quello dell’interesse economico di chi opera in zona.

Ci si attende che questo tema venga affrontato – la sede più indicata potrebbe essere l’Unione dei comuni – e che diventi oggetto di discussione, confronto e di decisioni operative.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button