Viaggi

Arte in Val Sella

Arte in Val Sella
Arte in Val Sella

Vi dice niente Borgo Valsugana? Certo, la tremenda guerra del quindici e diciotto, ma non è questo che sabato cercavamo. Assieme a Primola di Cotignola, volevamo scoprire l’esperienza che un’associazione culturale del luogo, l’Associazione Arte Sella, ha messo in piedi per valorizzare il loro territorio. Cos’anno pensato questi giovani trentini? Hanno pensato di sposare il territorio con l’arte e la cultura.

La loro base di partenza, se ho ben inteso, è stata l’idea del rispetto e della conservazione rigorosa del territorio così come si presentava. Questo ha comportato discussioni con la componente privata e produttiva dello stesso, giungendo però alla fine ad un buon compromesso (forse, penso io, aiutato anche dalla Provincia autonoma). Poi hanno dato la parola ad inventori dell’arte che, prima hanno letto e interpretato il territorio, poi ne hanno esploso le peculiarità con l’inserimento di opere d’arte vegetali, costruite con quanto il territorio stesso offriva.

Prima il Percorso Arte – Natura, una bellissima passeggiata di alcuni chilometri in mezzo ad un bosco lussureggiante, punteggiato qua e là di opere di artisti professionisti provenienti da tutto il mondo; poi l’Area Malga Costa (visitabile a pagamento – 5 euro) dove sono esposte le opere maggiori, fino alla magnifica Cattedrale Vegetale. Un’idea che vale 70.000 visitatori all’anno e un indotto che offre lavoro a 20 dipendenti. All’ingresso dell’area a pagamento c’è uno spazio attrezzato per lo svago e un locale che offre alcune specialità culinarie del posto.

La valle è tranquilla, lontana dai rumori della vita di ogni giorno. Si presta ad essere esplorata a piedi, dopo averla risalita in auto o corriera per qualche chilometro. Ideale per le visite di studio delle scolaresche, per le famiglie, per chi desidera estraniarsi in contemplazione nel silenzio più assoluto.

Anche in questo caso, le foto consentono di capire meglio la descrizione fatta. Ne presento alcune per catturare la vostra attenzione su un’esperienza di cultura ambientale di grande valore, da vedere.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche
Close
Back to top button