Sottopasso, manca il collaudo

Castel Bolognese (Ra) - Il sottopasso di via Borello

Il sottopasso ferroviario della via Borello non apre perchè manca il collaudo. Il collaudo non è stato effettuato perchè non sono state istallate adeguate pompe di svuotamento dell’acqua in caso di allagamento e perchè manca l’impianto di segnalazione e blocco del traffico. La ragione tecnica deriva dal fatto che le disposizioni ultime della Regione in materia sono state emanate nel mese di giugno, quando i lavori erano già stati appaltati ed avviati. Questo comporta maggiori spese che qualcuno dovrà addossarsi, con tutte le difficoltà del caso, visto i tempi.

La cosa certa è che le misure dettate dalla Regione sono opportune, visto che c’è chi ha fatto notare che a Cervia, nel marzo scorso, una persona è morta annegata nel sottopasso allagato, evidentemente non svuotato e segnalato. La fonte a cui ho potuto accedere non manca di far notare che tutti gli enti interessati sono impegnati a garantire la sicurezza, quindi a fare si che vengano istallati pompe e segnaletica adeguati, e a farlo nel più breve tempo possibile.

Si fa notare che per contratto di appalto i lavori debbono essere consegnati entro la primavera. La maggioranza delle fonti concordano nel ritenere che il sottopasso sarà aperto in primavera.