La rotonda, si allungano i tempi

Dicevo delle difficoltà per la variante di Castel Bolognese. Intanto i tempi della rotonda alla confluenza fra la via Borello e la via Emilia, si allungano ancora. In base alle parole spese da vari amministratori, i lavori avrebbero dovuto partire nel 2009. Poi diversi slittamenti. La terzultima versione dava per certo l’avvio dei lavori ad ottobre 2011. La penultima versione diceva gennaio 2012. In questi giorni, l’ultima versione dice che ci sono problemi, che si sta ridimensionando il progetto per alleggerirlo di costi, che si prevede la chiusura del progetto esecutivo entro l’anno. Poi ci sarà il bando della gara. E, se così fosse – ma è logico dubitare visto il passato – quando potremo vedere l’avvio dei lavori? Bene che vada, dopo l’estate del 2012. Sperando che poi non si dica che “i contadini debbono portare il kiwi all’Intesa” oppure che si va verso l’inverno e ci si sporca le scarpe. Leggo anche che prima della rotonda debbono essere conclusi i lavori dei sottopassi. Mi chiedo cosa ci azzecchino i sottopassi con la rotonda. La costruzione della rotonda non bloccherà il traffico. Si guardi quella in corso di realizzazione all’ingresso del casello autostradale di Faenza. E allora? Si cercano ancora alibi per ritardare l’opera? Temo che la comunità castellana sia ancora una volta presa in giro. E torna di attualità la domanda: ma Castel Bolognese fa parte della provincia di Ravenna?