Castel Bolognese

Una nuova scuola

Castel Bolognese - Scuole "Bassi"
Castel Bolognese – Scuole “Bassi”

Verso le prossime elezioni amministrative: Una nuovo edificio scolastico. Con questa breve nota affronto l’ultimo dei 5 temi che vorrei suggerire come cittadino a quanti si proporranno di governare Castel Bolognese. Gli articoli precedenti sono stati:

Castel Bolognese, cosa vorremmo dalla prossima amministrazione;

I costi della politica;

Una comunità attiva e in salute;

Una città sostenibile.

La circonvallazione per la città di domani.

L’ultimo tema che vorrei trattare è quello dell’edilizia scolastica. Propongo che il programma dei candidati sindaci contenga l’idea di una nuova scuola a Castel Bolognese. Direte: mah, e i soldi? Certo non avremo una nuova scuola domani, ma porsi l’obbiettivo, parlarne approfonditamente, avviare il percorso progettuale, può voler dire avere forse le carte in regola quando i finanziamenti per l’edilizia scolastica ripartiranno. Solo così potremo sperare.

Di una nuova scuola a Castel Bolognese se ne è parlato molto, nel partito che esprimeva il governo della città, più di un decennio fa. Questo tema è stato per lungo tempo oggetto della discussione, poi è decaduto.
Castel Bolognese ha tre plessi scolastici delle scuole dell’obbligo: le Medie, le Bassi e le Ginnasi. Le Bassi e le Ginnasi corrono verso il secolo di vita. Le Ginnasi nascono come Orfanotrofio femminile, le Bassi credo come scuole. Entrambe necessitano di manutenzione costante in quanto l’erosione del tempo si fa sempre più sentire. Il tema della sicurezza necessita di una vigilanza più che normale, a partire dai sottotetti. Tutti i plessi sono poco adeguati alle attuali modalità didattiche.

Queste sono le ragioni che suggeriscono di affidare alla prossima legislatura il compito di progettare una nuova scuola a Castel Bolognese. Il Piano di Sviluppo territoriale ha già individuato l’area per il futuro polo scolastico, adesso ai nostri nuovi amministratori il compito di affrontare la questione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button