Skyfall, di Sam Mendes

Foto: oggialcinema.net

Wow, davvero bello. Non il solito film di 007, anche se devo dire che Casinò Royale mi era piaciuto da matti. Il protagonista è sempre l’ottimo Daniel Craig, che da il meglio di se quando interpreta il leggendario Bond, James Bond.

In questo ventitreesimo capitolo dell’agente segreto più famoso al mondo ci troviamo di fronte a un film più intimo e soggettivo. Infatti il regista ci mostra quasi subito un Bond “fallibile” che comincia ad avvertire i segni del tempo e che per un attimo non sembra quasi più così indefesso nel difendere la propria patria.

Non svelo niente dicendo che poi tornerà a fare il proprio dovere, in un viaggio che lo porterà nel passato, fino al luogo della sua nascita. Non mancano incredibili scene d’azione, tipo quella iniziale ambientata in Turchia, dove Craig sfoggia un carisma notevole lanciandosi da una gru su un treno in corsa e la prima cosa che fa appena atterrato è quella di sistemarsi un polsino (si può vedere anche nel trailer). Quando si dice che uno ha ‘cartola’.

che dire di un grande Javier Bardem nei panni dell’antagonista. Memorabile.

Invito chiunque abbia un minimo di due ore e venti di tempo libero di recarsi al cinema per assistere a questo ottimo film. A qualcuno, abituato ad un certo tipo di film tutta azione e protagonisti che sembrano supereroi, potrebbe non piacere come altri film simili. Consiglio comunque la visione.