Il cavaliere oscuro – Il ritorno, di Christopher Nolan

Foto – Il cinemaniaco.com

“La leggenda finisce”. Questa è la dicitura riportata sulle locandine del nuovo film di Batman. Ed è proprio il caso di dirlo.

Il terzo, e ultimo, capitolo di questa stellare trasposizione cinematografica è giunto all’epilogo. Il regista Christopher Nolan ha sempre espresso la sua volontà nel voler trovare una degna conclusione al suo eroe dopo aver girato un ottimo “Batman Begins” (2005) e un superlativo “Il cavaliere oscuro” (2008).

“Batman Begins” è stato uno dei migliori reboot dell’ultimo decennio, se non il migliore.

“Il cavaliere oscuro”, complice la prova attoriale di un ispiratissimo Heath Ledger (morto per intossicazione da farmaci poco dopo il termine delle riprese), è a mio parere il miglior film in assoluto mai fatto sulle avventure di Batman.

Dopo 7 anni “Il cavaliere oscuro – Il ritorno” chiude ottimamente la trilogia.

Non voglio fare spoiler e svelare punti salienti, perciò starò volutamente sul vago: il film in due ore e tre quarti tocca molti temi(corruzione, terrorismo, anarchia, capitalismo, violenza, povertà…), ma non ne approfondisce nessuno in particolare. Si nota una qualche lieve imperfezione di sceneggiatura o di montaggio (per esempio nell’attacco alla Borsa di Gotham), ma è veramente perfetto nel tenerti incollato alle vicende dei protagonisti. Nolan centellina le informazioni in maniera lineare e calcolata, fino a portarti ad una degna conclusione. Non mancano le sorprese e il cattivo di turno (Bane) è molto efficace.

Il film è costato 250 milioni di dollari e per ora ne sta incassando quasi un miliardo (di dollari ovviamente). Considerato che è uscito da poche settimane direi che il successo è più che confermato. Ci sarebbero tante cose da dire ma non senza svelare alcuni particolari, per questo motivo vi lascio col consiglio di vederlo e di farvi una vostra opinione.

Concludo dicendo solamente che il Batman di Nolan è un uomo e non un supereroe, è capace di cadere e di rialzarsi per un ideale, ma rimarrà sempre e comunque al di fuori della società.

Curiosità: a Riccione c’è un cinema che proietta con la tecnologia IMAX (ad altissima risoluzione), “il cavaliere oscuro – il ritorno” contiene ben 72 minuti girati con questa tecnologia, perciò se passate di lì fateci un pensiero (previa prenotazione).