AntipastiCucina casalinga

Cardo e capasanta in entrata

Cardo e capesante. Ringrazio per questa ricetta ancora Eugenio Cecchi di Cervia che me l’ha suggerita come piatto di “entrata”. 

Ieri sera l’abbiamo provata e il risultato è stato molto buono. L’unico errore che ho commesso è stato quello di non combinare bene i tempi di cottura di cardo e patata, col risultato che la crema è risultata un poco ruvida. Ho conosciuto meglio anche la capasanta, un curioso bivalve dalla storia molto antica.

Procedimento.

  • Tagliare a pezzetti il “cuore” del cardo e farlo soffriggere in olio EV con un trito di scalogno;
  • sfumare con vino bianco aggiungere acqua e andare con la cottura del cardo. Dopo 7-8 minuti aggiungere una patata tagliata a cubetti;
  • quando le verdure sono cotte passare il tutto col frullatore a immersione e fare una crema densa;
  • intanto far scottare delle capesante fresche rigirandole con la pinza per qualche minuto in olio in una padella caldissima, salare e pepare;
  • mettere un mestolo di crema di cardo sul fondo di un piatto e sopra la capasanta, guarnire con qualche fogliolina di timo.

Eugenio consiglia di abbinare con un bel bianco “energico” tipo Riesling Italico o Ribolla. In casa non avevo quei vini, avevo del buon Pignoletto del Casoncello di Tebano e sono rimasto soddisfatto. Se proprio si vuole “esagerare” suggerisce anche una grattugiata di tartufo di pineta. Ci credo e appena trovo il tartufo ci proverò. Grazie, Eugenio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button