Diga steccaia a secco

Castel Bolognese - La diga steccaia (leonardesca- XIV sec.)

Oggi la diga steccaia di Castel Bolognese si presenta così. Manca un metro perchè l’acqua scorra. E’ l’effetto del protrarsi della siccità nella nostra vallata. Traggo spunto da questa “drammatica” foto per riflettere sui guai prodotti all’eco sistema e per constatare come nessuno possa sentirsi al sicuro. Ieri in Liguria, oggi in Sicilia. La cronaca ci mostra le devastazioni prodotte in un territorio fragile di natura e martoriato dall’uomo, da parte dello scatenarsi degli agenti atmosferici.  Domani potrebbe accadere da noi, nelle nostre vallate.

Alcuni anni fa abbiamo già visto cosa può accadere a Castel Bolognese dopo alcune ore di pioggia violenta nelle colline, a pochi chilometri dal centro abitato. Allagamenti e danni. Allora fu data una risposta con l’adeguamento della rete fognaria e le vasche di contenimento. Ma si riconobbe che altro occorreva fare. Tant’è che, nel programma elettorale della scorsa legislatura, si avanzarono diverse proposte sull’argomento. Fra queste, una affermava: “I disagi atmosferici degli ultimi anni richiedono una più attenta difesa del territorio, a partire dalla testa della vallata del Senio. Coinvolgeremo tutti gli enti e le strutture investite del problema per dare corso… ad un progetto di bacino“. Si chiedeva quindi di monitorare la vallata e di redigere un piano di bacino. Purtroppo, nel corso di quella legislatura non se ne fece nulla. Poi, credo che il tema sia addirittura sparito dal programma per la legislatura in corso.

In buona sostanza penso che il tema della salvaguardia del territorio, anche a Castel Bolognease, dovrebbe essere ripreso. Continuo a ritenere che una riflessione a livello della vallata non guasterebbe, anzi. Non ci vuole poi molto a mettere attorno ad un tavolo l’autorità di bacino, il consorzio di bonifica, le amministrazioni comunali e provinciale, le strutture che operano e che conoscono il territorio. Sarebbe questo un compito della politica, di quella buona politica capace di guardare al domani, di cui oggi si sente tanto il bisogno a tutti i livelli.