Maggio

Piselli che delizia

(2 maggio) Un bel sole caldo, 28 gradi a mezzogiorno, ma si annuncia pioggia.

Lavori. Stamattina una bella passata di poltiglia bordolese (rame e zolfo) per tenere lontana la peronospera e per rafforzare le piantine ultimamente messe a dimora. Ho irrorato le viti, i ciliegi, i peschi. Poi le patate, le piantine di aglio, cipolla e scalogna, i pomodori e le melanzane, i peperoni. Preparato le buchette che dovranno ospitare: zucche, cocomeri e meloni. Trenta cm di lato e di profondità, alla distanza di un metro e mezzo, l’una dall’altra. Nel fondo della buca una spalettata di letame e terra sopra. Ho iniziato a ripulire dalle infestanti il reparto dei fagiolini e fagioli (nati non troppo bene). Fatta la potatura a verde della siepe.

Semine. Ho RIseminato le carote, avendo cura di non affossare troppo i semi. Si dice sia sufficiente qualche millimetro di terra. Forse questa è stata la ragione per cui le prime non sono nate.

Raccolte. Asparagi, cespi di insalata, un buon quantitativo di piselli.

Pollaio. A Giacomina, che continua a scarrozzare, abbiamo aggiunto dieci pollastre da crescere a frumento per il consumo fresco delle mie famiglie. Da un pò di giorni si beccano. La cura è stata quella di cospargergli la schiena di fuliggine presa dalla canna del camino. Mah!

Articoli correlati

Un commento

  1. Confermo, i piselli freschi sono una bontà.
    Un giorno vorrei analizzare il DNA di quelli che mi danno in mensa per vedere se almeno provengono dallo stesso pianeta dei tuoi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche
Close
Back to top button