Le regole si allentano

Noto, particolarmente nei locali pubblici, un allentamento del rispetto delle norme anti covid. Accade, per quel che ho visto io, che, generalmente, l’informazione è adeguata, noto che i gerenti e i commessi hanno quasi sempre le mascherine ben portate, che ci sono gli igienizzanti. Quello che non va è che buona parte dei clienti non si comportano adeguatamente. Non hanno la mascherina, oppure la usano per scaldarsi il mento o la gola, parlano senza controllare gli effluvi. Se poi la barista ha la parlantina sciolta, buonanotte.

Nulla di male in tempi normali, ma adesso non viviamo tempi normali. La malattia è in giro, è fra noi. La previsione è che possa riacutizzarsi. E’ quindi necessario non abbassare la guardia. Io non so chi debba fare rispettare le norme nei luoghi pubblici, compreso i mercati. Personalmente penso sia dovere degli esercenti fare notare le elusioni e richiedere il rispetto delle norme. Giusto come ha fatto con me la fornaia di Tredozio alcune domeniche fa. Sono entrato senza mascherina e mi ha subito detto che, così, dovevo uscire. Cosa che ho fatto, chiedendo scusa.

Io in quel forno di sicuro ci tornerò e sicuramente avrò la mascherina. Non tornerò sicuramente nel bar dove stamattina, una barista e diversi clienti, ciarlieri e senza mascherina, mi hanno messo a disagio per essermi comportato secondo le regole in un ambito che di fatto non le riconosceva.