Amianto, tema da affrontare

Via Emilia_AmiantoDesidero esprimere da cittadino castellano un elogio ed un ringraziamento a quell’attività produttiva di via Canale che ha smantellato l’amianto dai propri tetti. A quanto è apparso, l’operazione è avvenuta con tutti i crismi per la sicurezza degli operatori e dei cittadini.

Questa azione meriterebbe un pubblico encomio e un adeguato risalto. Dimostra che qualcosa si può fare, che esistono qualche risorsa e la disponibilità di privati ad agire.

Peccato che nessuna autorità comunale dimostri la volontà di esercitare un seppur minimo stimolo per affrontare un tema così rilevante per la salute dei cittadini. Come tutti ormai sanno, l’amianto, col tempo e senza  adeguata manutenzione, libera fibre che ogni cittadino può inalare e che in diversi casi provoca il mesotelioma pleurico, che purtroppo non da scampo.

Si ebbe notizia che qualche consigliere comunale aveva in animo di affrontare la questione, io stesso gli fornii materiale e qualche idea, ma pare non sia stato possibile affrontare il tema.

Aggiungo che all’inizio dello scorso anno, due aziende castellane (Curti e Mip) sono state beneficiate di consistenti contributi regionali a fondo perduto finalizzati a smantellare l’amianto dai propri tetti. Al momento non si è visto nulla di concreto. Ma nemmeno si è avuto notizia di una, credo doverosa, iniziativa di stimolo da parte dell’amministrazione. Poi chiederò venia, se verrà dimostrato il contrario.

Ancora una volta c’è da chiedersi cosa si aspetti ad affrontare questo tema.