Dialogo postumo

 

Cà di Gostino
Cà di Gostino

La figlia di Ancilla Cavina, Maria Rosa Sandri e la nipote Maria Lasi, mi hanno recapitato un dialogo postumo e una poesia dedicata ad Ancilla, staffetta partigiana, recentemente scomparsa.

Cara mamma, vorrei dirti grazie per tutto quello che mi hai insegnato e lasciato come dono.

Mi hai lasciato la forza perchè so che ne avevi tanta e so che hai affrontato la fame, la guerra, la solitudine. Hai dedicato la gioventù agli ideali nobili di un’Italia libera, rischiando tante volte la vita, e non ti sei mai arresa…

Mi hai insegnato a sorridere anche nei momenti difficili, perchè riuscivi a scherzare su tutto e la tua allegria tante volte ti ha salvato. Perchè so che anche quando non avevi niente, ti mettevi a cantare, e ti sembrava di avere tutto…

Grazie per tutti i momenti passati insieme, anche gli ultimi in cui eri diventata come una bambina capricciosa.

Grazie per tutte le volte che ti sei preoccupata e sei rimasta sveglia ad aspettare il mio ritorno…

Grazie perchè eri una persona semplice ed io sono quello che sono perchè tu eri quella che eri… (tua figlia)

“Benchè abbia passato quello che ho passato, non mi pento dei problemi che mi sono creata perchè mi hanno portato dove desideravo arrivare.

Porto con me i segni delle cicatrici che sono la testimonianza di quello che ho vissuto e la ricompensa per quello che ho conquistato.

C’è stato un periodo in cui vivevo solo perchè avevo bisogno di vivere, ma adesso vivo perchè sono nel cuore di tutti quelli che ho conosciuto, di quelli che ho amato, di quelli che mi sono stati vicino e anche di quelli che ora vivono in un mondo libero.

Continuate a volare!! E a credere in questi idelai di pace e serenità”

PER TE!

Essere donna ieri era difficile

non è facile ancora oggi.

Grazie zia, dei tuoi esempi di donna coraggio!

Nelle tue scelte di vita spesso non capite,

e pagate a caro prezzo negli affetti più cari.

Grazie per il valoroso contributo dato alla Resistenza

per un’Italia libera e democratica;

Valori e Ideali che mai hai avuto dubbi nell’arco della tua vita.

Ora con la tua allegria, come tu volevi!

Sei ritornata fra i tuoi compagni

negli onorati boschi di montagna tanto amati

dove più intenso è il profumo di ginestra.

Lassù nei sentieri dei Partigiani, le tue ceneri.

A primavera saranno fiori dai colori intensi

che cresceranno liberi.

Perchè così ! tu eri.

Oggi nel mio cuore

sei stella fra le stelle che brillano di più

nei valorosi cieli del pensiero,

stelle che mai abbasseranno la guardia

a difesa di una vera Pace e Libertà.

Nel dolore per la tua perdita;

In me rimane l’orgoglio di esserti stata nipote.

Con indelebile affetto

Maria