Il diritto ad una città meno rumorosa

Foto solo esemplificativa di quanto raccontato

Ancora questa mattina, non era ancora l’alba, un automezzo pesante, con lampada gialla ad intermittenza (quindi, immagino, un mezzo pubblico), ha percorso le vie di Castel Bolognese (o parte di esse) disturbando il riposo dei cittadini. Immagino abbia raccolto carta o patume.

Io mi chiedo se non sia proprio possibile avere maggiore rispetto della città e dei cittadini che ci vivono. Perchè alle quattro del mattino, pesanti automezzi debbono “rombare” nelle strade della città, sotto le finestre aperte dei cittadini, recando loro disturbo e nocumento alla salute, quando è assolutamente possibile organizzare diversamente la raccolta del “rusco”? Onestamente penso che sia giunto il momento che chi di dovere affronti questo problema, o lo giustifichi pubblicamente se ne ha gli elementi.

Ps – Penso ai cittadini che abitano lungo, o nelle vicinanze della via Emilia, così come ai cittadini che patiscono l’abbaiare fuori norma dei cani o gli schiamazzi delle persone in orari non consoni. I loro problemi non sono certamente inferiori, anzi, sono sicuramente superiori a quello da me illustrato. Spero che l’indignazione di tanti porti almeno a discutere in modo appropriato questo tema.