Tutti a piedi

Torino. La Mole Antonelliana

Torino. La Mole Antonelliana

Leggo che Chiamparino e la Moratti hanno proposto per domenica 28 febbraio una giornata di chiusura del traffico veicolare in tutto il nord d’Italia. Oggi ne parleranno con i sindaci di tutte le regioni, Emilia Romagna compresa. Mi sembra una notizia straordinariamente bella che tutti i comuni, piccoli e grandi, dovrebbero immediatamente sostenere. Almeno per due ragioni.

Fermare il traffico in tutto il nord ha un effetto certo di diminuzione del tasso di inquinanti atmosferici, almeno di quelli derivati dalla locomozione. La seconda, e ancora più importante, ragione è che, almeno per quella giornata, milioni di individui saranno chiamati a riflettere su un tema di vitale importanza, potendo essere addirittura ricondotto alla sorte del pianeta.

Altro aspetto di assoluto rilievo è legato al fatto che milioni di cittadini saranno chiamati per un giorno a organizzare diversamente dal solito la propria vita. Potete bene immagginare cosa ne può venir fuori. Migliaia di iniziative con al centro un modello per buona parte alternativo a quello caotico e stressante che viviamo. Gli individui e le famiglie ne parleranno animatamente e il ricordo di quella giornata si protrarrà per lungo tempo. Potrà essere un evento capace di incidere sulla coscienza delle persone.