Attenzione a chi finge incidenti stradali

A Castel Bolognese,  da qualche tempo, sono in azione dei malfattori, di nazionalità straniera, che fingono di subire incidenti stradali con lo scopo di spillare soldi agli automobilisti.

Sono attori perfetti, agiscono in vie poco popolate. Generalmente entrano in azione nel corso del parcheggiamento delle auto. In genere sbattono volontariamente contro l’auto, gettano in terra la carcassa di un cellulare, oppure una vecchia bici, e dicono di essere stati colpiti. Dicono di essersi fatti male, ma non troppo, al punto che rifiutano sempre di essere accompagnati al pronto soccorso. Se si accenna a chiamare i Carabiniere dicono: “… ma no, per così poco… si è solo scorticata la bici o rotto il cellulare. Cosa vuole, era anche vecchio, stavo per cambiarlo…” .

In sostanza, dopo una prima fase di drammatizzazione, con non malcelata maestria, lasciano intendere che ci si può venire incontro. Spesso l’automobilista tira un sospiro di sollievo e, vuoi perchè ha la franchigia nell’assicurazione o perchè ha creduto di potere essere inavvertimante in colpa, gli allunga qualche carta da 50 euro. Il malfattore, tergiversa, ma poi accetta. E, zoppicando leggermente, ma lesto,  sparisce.

Più o meno la scena è questa. Ho chiesto alla Polizia Municipale come ci si deve comportare quando capita un episodio di questo tipo. Gentilmente mi hanno risposto che l’unica cosa da fare è quella di avvertire subito le forze dell’ordine: i Carabinieri, (112), oppure la Polizia (113) o la Polizia Municipale (per Castel Bolognese 0546-655811) e pretendere che il tipo resti ad aspettare. Nel 90% dei casi il signore toglie immediatamente il disturbo.

Appare certo che l’unica cosa da non farsi è dare a questi cialtroni dei soldi. Nella misura in cui diamo soldi  siamo stessi ad incentivare il ladro e a spingerlo a riprovarci. Quindi, a fronte di questi episodi, anche nel dubbio che si possa avere qualche torto, è bene chiamare sempre le forze dell’ordine.