Amici dello scontrino fiscale

Mentre nell’articolo precedente ne parlavo, qualcuno su Facebook lanciava il gruppo degli “Amici dello scontrino e della ricevuta fiscale“. Credo che l’iniziativa sia partita da Luca Bottura. In tre settimane quasi duemila internauti hanno raccolto l’appello. Molto bene.

Ricordo di avere letto giorni fa un’articolo di Romano Prodi il quale, a proposito di tasse in Italia, affermava che “Continuare a non creare davvero un sistema elettronico per controllare i pagamenti e i guadagni, vuol dire portare alla rovina l´Italia”. Diceva poi che la democrazia si difende con la ricevuta fiscale. Penso che, come in molti casi, anche questa volta Prodi abbia ragione.

Diamoci da fare allora, collaborando a questa iniziativa, adottando comportamenti conseguenti e sviluppandola, per quanto possibile. Da parte mia proporrei di attivare sottogruppi a livello di ogni comune con lo scopo di moltiplicarne l’effetto. Ad esempio si potrebbe creare il gruppo “Amici dello scontrino e della ricevuta fiscale di Castel Bolognese“. E così via per tutti i comuni d’Italia.