Idee e proposte

Posta corta, fila lunga

Castel Bolognese - Ufficio Postale

Penso che la città di Castel Bolognese meriti un servizio postale più efficiente. Quaranta minuti di fila per pagare un bollettino, sono davvero tanti. Non per me che ho tempo, ma per chi lavora, per le aziende, per chi deve fare operazioni di sportello bancario.

Castel Bolognese è una citta in crescita come abitanti, ma anche in forte crescita come attività produttive. Gli uni e le altre meritano un servizio di posta migliore. Certamente, per quanto riguarda la logistica.

Non può essere un servizio adeguato quello reso in uno spazio così angusto, colmo di persone vigili e spazientite. Con poca privacy e difficoltà, anche solo per compilare un bollettino o nel chiedere una semplice informazione. Se poi, come ancora accade con forte sprezzo del pericolo, qualcuno si mette a contare i soldi della pensione appena ritirata in contanti, si rileva anche poca sicurezza.

Nessuna responsabilità certo, da parte degli operatori che, anzi, si dimostrano efficienti e professionali; il problema è che questa sede è sottodimensionata rispetto le esigenze degli utenti. Stupisce che, per quanto pubblicamente se ne sa, nessuno si ponga il problema. D’altronde, siamo ormai abituati a tutto. Temo che le difficoltà intrinseche alla soluzione dei problemi, stia diventando un alibi a nemmeno provarci. Gli esempi sono tanti.


Articoli correlati

Un commento

  1. Sono d’accordo…ma penso che la burocrazia che costringe i dipendenti delle poste a lavorare con quella specie di “distributore di precedenze” che la gente ancora continua non capire…andrò 3-4 volte all’anno in posta, perchè i bollettini preferisco pagarli alla coop (50 cent di commissione e 2 minuti alle casse veloci, contro 1 euro e un tempo che va da5 ai tuoi famosi 40 minuti)…ma tutte le volte che ci sono andato, ho assistito a gente incavolata nera eprchè arrivata da 20 minuti con un P20 in mano e superata da un A50 (faccio numeri finti per rendere l’idea) appena arrivato…

    Il problema è che le poste non sono più statali, se non sbaglio…e vogliono lavorare un po’ come un’assicurazione, un po’ come una banca, un po’ come come tutto…tranne che come poste…e parlo di poste italiane, non dei dipendenti (almeno quelli/e di castello che sono sempre gentili e disponibili)…conseguentemente, penso che si possa ottenere un servizio migliore solo facendo capire al privato posteitaliane che possiamo farne a meno…pagando i bollettini alla coop o dal tabaccaio (anche se la commisione in quest’ultimo caso è più alta), usando e-mail…cercando di evitarla…

    …anche la sezione più piccola di Lugo, sulla strada che va a bagnara…è un disastro…e in più lì sono delle vipere…io ho smesso di andarci proprio per quello…

    sono convinto che sia il sistema burocratico poste italiane a creare problemi…a cascata…dai propri dipendenti (che devono mettere lo sportello spedizioni in pausa per mezz’ora perchè devono preparare il contenitore delle buste da spedire…alle 12.30…quando la gente esce da lavorare e può andare in posta…) ai propri clienti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controlla anche
Close
Back to top button