Il senso civico che manca

Non c’è limite al peggio anche per quanto riguarda il senso civico di taluni cittadini.

Mi riferisco a coloro che hanno scambiato il Monumento nazionale allo Sminatore di Castel Bolognese con un urinatoio. Il manufatto (nazionale), ideato da Biancini, viene profanato pisciandoci contro.

L’aiuola che lo delimita viene normalmente calpestata e deturpata da camioncini di passaggio.

E che dire dello shopping che qualcuno fa ogni anno, prelevando furtivamente qualche piantina floreale, di quelle che i volontari mettono a primavera per abbellire e rispettare il monumento?

Può consolarci il fatto che c’è stato di peggio, ad esempio quando fu mutilato l’Albero della vita posto a corredo nell’area monumantale o quando, a più riprese, il monumento è stato imbrattato da scritte? Spero di no e spero che il tema del senso civico da ritrovare per tutti, sia presto dibattuto nelle sedi più autorevoli, opportune e competenti della nostra città che in tanti vorremmo più bella e maggiormente rispettata.