I buoni frutti dell’orto

Cako rojo

 

(12 novembre) La temperatura mite, favorisce buone raccolte.

Lavori. E’ il momento di ripulire i carciofi dai polloni. Si deve fare con le mani e tenuto conto delle spine, potete immaginare. Prosegue il lavoro per sotterrare i cardi e farli diventare “gobbi”, 60 a settimana, mi vorranno circa due mesi. Continuo a togliere i fiori delle fragole. Ho iniziato a ripulire dalle erbacce l’aspargia.

Semine. Dopo nove giorni dalla semina, i piselli fanno già capolino. Ora non debbono crescere troppo; per questo occorre che le temperature si abbassino. Poi bisogna proteggerli dagli uccelli, stendendo sopra rete antigrandine.

Raccolto. Se avete potuto non solo seguire il lavoro dell’orto, ma anche metterlo in pratica, ora disporrete per il consumo di: cavolo broccolo, cavolini di Bruxelles (i primi li ho staccati ieri), cavolo nero per la ribollita, fagiolini, porri, rape rosse e rosate, sei tipi di radicchi, finocchi, insalata. Per gli odori disporrete di: basilico, salvia, prezzemolo, sedano. Non mi sembra poco. E stanno arrivando i cavolfiori, i cavoli cappuccio, i cardi, gli spinaci.

Il giardino dei frutti. Ho raccolto i caki rojo. In questi giorni il campo dei caki mostra i colori dell’autunno: rosseggiante i nostrani, sul giallo gli spagnoli. Davvero bello.