Pensieri sulla Mostra del Cinema di Venezia

Copertina Mostra cinema Venezia 2013

Dopo circa una settimana voglio appuntare qui qualche pensiero sulla mia esperienza alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Io e i miei compagni d’avventura siamo arrivati al Lido di Venezia alle 19,30 di venerdì 30 agosto e siamo ripartiti domenica 1 settembre alle 16,30.
Siamo stati là per un tempo breve, visto che in realtà la Mostra dura quasi due settimane.
Essendo la nostra prima esperienza e avendo poco tempo a disposizione abbiamo cercato di vedere il maggior numero di film possibile. Siamo riusciti a vederne ben 12. Alcuni molto belli e interessanti altri molto brutti e inutili. Per le recensioni vi rimando ai precedenti post.
Queste sono alcune particolarità che mi hanno colpito:
– Acquisto dei biglietti. VOTO 3: Povera Italia. Il sito internet della Mostra è quanto di meno user friendly si posso sperare. Ha una concezione antiquata e dove tenta di svecchiarsi, per esempio dandoti la possibilità di scaricare una app per smartphone, quest’ultima funziona malissimo. Capire cosa stavamo acquistando on-line ha richiesto una telefonata al call center della Mostra perché dal sito non era per niente intuitivo.
– Campeggio. VOTO 7: piccolo, pulito e abbastanza vicino alla Mostra. Per due notti mi hanno chiesto 31€.
– Ristorazione in zona Mostra. VOTO 4: vicino alle sale ci sono poche possibilità per mangiare e quelle che ci sono sono di qualità ridicola. Cavolo, hai una sala da 1700 persone che dalla mattina alle 9 alla sera alle 24 ingoia e sputa gente di ogni tipo e non hai niente di pronto?! Secondo me non hai il senso degli affari.
– Servizio bagagli. VOTO 8: gratuito e posto a fianco della Sala Grande.
– Accesso alle sale. VOTO 8: sempre precisi, e ordinati. Mai una difficoltà e con tempi di attesa molto contenuti.
– Acustica al Pala Biennale. VOTO 5: purtroppo in una tenso-struttura da 1700 non si può pretendere di meglio, ma se dovessi confrontarla all’acustica della Sala Grande, che è quella principale, da 1032 posti, il Pala Biennale perde 5 a 0.
– L’aria che si respira. VOTO 10: ho fatto male ad aspettare finora per andarci. Spero che in futuro possa diventare quasi un appuntamento fisso per me.
Nota di colore:
In qualsiasi sala e a qualsiasi proiezione abbiamo visto gli abbigliamenti più vari. Ci sono le signore di una certa età tutte ingioiellate e vestite da gran gala e ci sono persone in canottiera, pantaloni corti, infradito e zainetto appena tornati dalla spiaggia.
Consiglio:
Andateci. Andateci e stateci più di due giorni. Non abbuffatevi di film come abbiamo fatto noi, prendetevi il tempo di stare un po’ al mare e di riposarvi. Puntate ad alcuni film promettenti e non pretendete di vederli tutti.