Cachi “retati” a quattro euro al chilo

img_1396Lunedì scorso in una piccola bottega della città di Fano ho visto (foto) i cachi essere venduti a 3,95 euro al chilo. Erano cachi “tipo”, retati, quindi di seconda scelta. Quanto pensate saranno pagati ai produttori? Massimo dieci centesimi.

Ps – Lo scorso anno consegnammo a Terremerse, per conto di una anziana socia, circa 30 quintali di cachi. La signora incassò dopo un tot di mesi venti centesimi al chilo come media. E quest’anno? Dai commenti che ho sentito, forse anche meno. In agricoltura e nella rete commerciale c’è qualcosa che non funziona.