Gallina Giacomina non sta bene

Allarme in campagna. Da circa quindici giorni gallina Giacomina è strana. Mangia poco, si aggrotta, la cresta ha cambiato colore.

Oggi c’è stato il consulto. Un’anziana signora, me l’ha fatta prendere. Solo da me si lascia catturare docilmente. Ha cominciato a scrutarla, a guardarle le penne, poi un ordine: guardiamoci in bocca. Con un’abile manovra gli ha aperto il becco e subito è arrivata la diagnosi: L’ha la “puvitla”. Trattasi di una membrana lunga un centimetro cresciuta, non si sa per quale ragione, sotto la lingua.

Non so se sia scientifico o invece si tratti di una credenza popolare, ma l’anziana dice che bisogna toglierla perchè quella cosa lì impedisce alla malcapitata di deglutire. In fretta si prepara la sala operatoria: una sedia per chi deve tenere stretta la gallina (io), i ferri (un ago, del filo e dell’olio). L’anziana donna procede con destrezza. Un minuto ed è tutto fatto. La membrana viene via, un poco di olio per disinfettare, due pizzicotti per rianimare la gallina lievemente collassata e via.

Giacomina riprende a beccare qua e la, poi, contrariamente al solito, entra di sua iniziativa nel pollaio. Speriamo bene.