Carnevale ambulante

Monte Battaglia 053Un bella giornata di sole, da tanto attesa, ha salutato ieri il carnevale di Castel Bolognese. Grazie all’Avis ha ripreso vigore. La sfilata ha allungato il giro, da piazzale Camerini, alla stazione dei treni e ritorno, poi via Garavini, via Roma e la piazza. Tanta gente in piazza, poca lungo il percorso.

Alcuni carri, alcuni gruppi a piedi molto belli, due orchestrine trasportate, due o tre trenini di bimbi, un bel gruppo (davvero bello) di corridori di cartone in biciclette vere. Se ho visto bene, tutti gruppi invitati da fuori. In piazza un piccolo spazio gastronomico con della buonissima pizza fritta. Poi la musica, la giostrina … e un grande mercato ambulante.

Personalmente non vedo un collegamento logico fra il carnevale e le bancherelle di abbigliamento. Penso che non deponga a favore della gradevolezza e della qualità della festa nel suo insieme. Ma sbaglierò senz’altro. Dicevo, grazie all’Avis. E’ una ricchezza per Castello. Il suo scopo è raccogliere sangue e plasma, una funzione che interpreta permeandosi nella città. Davvero bravi.

Tornando al carnevale, inutile nasconderlo, quello che manca è la produzione locale. Avanzo una proposta all’Avis. Perché non invitare fin da subito, a tutte le associazioni castellane di ogni ordine e grado ad impegnarsi per mettere su un numero all’appuntamento del prossimo anno? Una semplice lettera. Tanto per vedere l’effetto che fa.